Attraverso una pratica tecnico-amministrativa si può  ottenere l’esenzione di una voce di Fornitura sulle bollette in Cessione Totale, definitivamente e per tutta la durata di quel contratto , anche per successivi cambi di Trader.
Ogni impianto di energia rinnovabile (fotovoltaico, eolico, biomassa ecc...) in cessione totale ( NON IN AUTOCONSUMO ) ha anche un contratto di fornitura .
Di questi costi fatturati, circa il 60% (ma talvolta anche 70-80) è composto da una voce chiamata uso delle reti (per Enel o a seconda del Trader, con altre denominazioni) che passerebbe  da 80-90€ /mese e al minimo fisso di  € 21.81/mese.

Tale voce PUO’ ESSERE ELIMINATA PER SEMPRE, attraverso una apposita procedura che prevede anche l’asseverazione di una perizia tecnica. Il produttore, per evitare il pagamento dei corrispettivi di distribuzione e trasmissione e dalle componenti A e UC relative agli oneri generali di sistema, deve presentare al proprio distributore una perizia asseverata indipendente, corredata di relazione di massima del progetto di tutta la parte relativa agli ausiliari. Tale perizia deve fare riferimento all’art. 19 commi 1 e 2 dell’allegato A alla del. 199/2011 (TIT), non deve essere rilasciata dal tecnico che ha seguito l’impianto ma da persona estranea e che sia ing./perito iscritti all’albo, non è retroattiva e il beneficio ha decorrenza da quando la perizia è inviata al distributore. Si evidenzia tuttavia come le ricadute economiche ci possano essere solo nel caso in cui l’impianto operi in cessione totale e che per i servizi ausiliari di centrale sia stato predisposto un pod apposito.